* Saccio 'no cunto *

Saccio 'no cunto ré sale jè de sapunto

sera lo cantai ra 'nanzi a monsignore.

Monsignore a capo fraceta

accattamonni 'no crapio

lo crapio jé cornuto

accattamonni 'no lupo.

Lo lupo jeva fujenno

pé coppa a ré montagnelle

trovao 'na vecchiarella

chi coceva la balanelle.

Ricivo rammenne quatto

jè ré nné rivo 'no bello piatto.

Ricivo rammenne otto

jè ré nné rivo 'no caccavotto.

Ré mittivo into a lo vango

ivo lo sorece 'nzanghi 'nzanghi.

Re mittivo into a lo stipo

ivo lo sorece zichi zichi.

Pigliao lo pitaturo

jè ré tagliao 'na pacca ré culo. 

 

* O primavera bella *

Sott’à le lenzola nennella mia se ne sta

Apri sta fenestella,sola cà sola tu m’à può scetà

Prima matina Aprile dormi sola bella oi né

se carne toie gentili chisà quanno so pé mmé

Si mammita no’ vò 

e soreta manco vò 

se tu me rici si lo sposo tuo so io

Oi primmavera bella

Sott’à le lenzola nennella mia se ne stà

Apri sta fenestella sola cà sola tu m’à può scetà

 

 

* Mme’ voglio ‘nzorane *

Oi mmé voglio nzorane a lo Ciliento

mmé la voglio i a piglià ‘na celentana

ché mmé nné ‘mporta ca no’ tene niente

basta ca tene la cantina fresca

E io mmé voglio ‘nzorane mò chi pozzo

mò chi mm’aggio supierchio accomodato

io tengo ‘no mizzetto r’uorto a lo mulino

‘n’ato lo tengo a casa mmacinato 

e tengo ‘n’ogliarulo r’uoglio chino

‘no mortariello re sale pisato. 

 

*Cinque minuti di piacere*

Mamma no’ bole ié Tata nemmeno

como faremo a fare l’amore

cinque minuti di piacere

lascia tua madre e vieni con me.

La mia mamma non mi manda

di notte sola a fare l’amore.

L’amore la faremo nella foresta

noi siamo soli e nisciuno ci molesta

Li baci ce li daremo ra vicino

l’amore la faremo da lontano 

Mamma non bole ié Tata nemmeno

como faremo a fare l’amore

cinque minuti di piacere

lascia tua madre e vieni con me. 

 

*Tu ruormi*

Tu ruormi a lo lietto ré rose

io rormo a la serena

l’amore è na catena

e non sé pote scatenà

Dio è sempe Dio

e fai l’amore pé chi vuoi

iè ammazzami si puoi

ma non m’abbandonà.

 

Senza ca bai ié bieni *

Oi mamma va’ngé parla

si vao io mmé ‘mbroglio

sta peccerella voglio

ié no’ m’àdda rice re no

Quann’era ré quinnicianni

era bella com’à lo sole

no’ conosceva ancora le pene ré l’amore

quann’are zitella 

ié no’ te poteva mai toccane

mo’ chi si tutta la mia

quanta vasi te voglio rà

Senza ca bai ié bieni 

co’sso’ rologio a lo lato

lo tengo lo ‘nnamorato

ré te che nn’aggia fà

Senza che bai ié bieni

Co ’ssa catena r’argiento

‘nnammorati nné tengo ciento 

ré te che nn’aggià fa

Oi mamma va ‘nge parla 

si vao io mmé ‘mbroglio

io Pippiniello voglio

iè no ‘m’adda rice ré no

Nn’aggio fatte nottate

pé ghind’à ssi valluni

spine ginestre e ruvi

ngavessero parlà

Senza ca passi e spassi

Pè sott’à’ssa finestra

mazzo ré sciuri e testa

ngiavessero parlà

Sera parlai pé mammita

facivo lo musso amaro

rice che ieri inutile a fa l’amore pé tté

tieni li capilli ricci

li mii so giniusi

Si te vuoi spusà ammé 

ngiaia mette la refosa

Oi mamma va’ngé parla

si vao io mmé ‘mbroglio

sta peccerella voglio

ié no’ m’àdda rice re no

Si tu no’ mmé la rai 

io mmé la piglio ré forza

scasso finestre e porte

e mmé la vengo a piglià

Ind’à sto vicariello

sembe chiove e mai mmé ‘nfonno

so li ricci ré ssa bionda

chi mmé fanno capanna a mmé

La mamma a la finestra

la figlia a lo balcone

io songo ‘no vaglione

iè mé fio ré sali 

‘Na lettera te scrivo

co’ sto pennino r’oro

te voglio raccontane

le pene ca tengo ‘ngore

Senza ca vai ié bbieni

cà l’uva nonn’è matura 

so’ ancora criatura

l’ammore non saccio fa’

Quanno si fatta bella

mmé pari ‘no milo rosa

la notte io nò reposo

pé penza sembe a te

Nn’aggia passate nottate

pé ghindo a sti valluni

rocchie ré spine ié de rui

‘n’avessero parla

Int’à stu vicariello

ngè chiove ié mai se ‘nvonne

so sti ricci rè sta bionda 

chi mmé fanno capanna a mmé

Oi mamma va ngé parla

si vavo io mmé ‘mbroglio

stà peccerella voglio 

ié, no’ ma’dda rice ré no. 

 

* Concettella *

La Concettella mia a ghiuta a lo mulino oiné

senza ro grano oi la Cncettella mia

ié senza lo grano mmé porta la farina

ié senza lo grano oi la Concettella mia

ié senza lo grano mmé porta la farina 

Si vuò vinì a la vigna vieni mò oi né

e mò ngei lo tiempo e oi la Concettella mia

e mò ngei lo tiempo e dimani a sera no. 

 

* Oi quanno se ‘nzorao *

Oi quanno se ‘nzorao lo pover’omo

ié la contentezza soia fu ‘na semmana

iè la prima sera s’arrobbao lo core

ié la sera appriesso la catena a lo pere. 

 

* Quanno mmé ietti a nghiure monacella *

Quanno mmé ietti a nghiure monacella

ngé ietti con ‘na mala ntenzione 

la prima sera chi ietti a la cella

lo primo amore mmé venne a cantare

mmè risse ‘na canzone tanto bella

non mmé la pozzo proprio scordane

Madre si no mmé cacci ra la cella

co lo barcone mmé nné vao a menare

amore mio ré pircoca a l’uorto

non mmé ‘ngé avuto ‘na vota portane

mò chi so malatella me ngi puorti

mò chi nò pozzo proprio camminane. 

 

* E mò parte lo paone *

E mò parte lo paò’

E mò parte lo paò’

e mò parte lo paone e vace a Roma

E vace a piglià le be’

e vace a piglià le be’

e vace a piglià le belle ‘nnamorate

e se mette ‘ncoppa lo po’

e se mette ‘ncoppa lo po’

e se mette ‘ncoppa lo ponte e sempe penza

e sempe ngé penza a la

e sempe ngé penza a la

e sempe ngé penza a la prima mogliere.

E la prima sera so

e la prima sera so

e la prima sera so chiamata mamma

e no nn’aggio ré li mii

e no nn’aggio ré li mii

e mango nné voglio. 

 

* Amore mio *

Amore mio como voglio fane

rammi lo mare pé mmé mantenene

li pieri no’ le pozzo arreparane

cà sempe appriesso a bui vonno vinine. 

 

* La mamma ré Giulietta *

La mamma ré Giueletta era gelosa

Bin bon ban

Tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

No la mannava mai,no la mannava mai

no la mannava mai a l’acqua sola.

‘no iuorno la mannavo a lo mulino

Bin bon ban

tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

Trovavo lo mulinaro,trovavo lo mulinaro 

trovavo lo mulinaro chi rormeva

Azati mulinaro cà è ghiurno chiaro

Bin bon ban

tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

Azati mulinaro,azati mulinaro

azati mulinaro cà è ghiurno chiaro.

Mentre lo mulino macinava

Bin bon ban

tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

Le mmano pé copp’o pietto,le mmano pé copp’o pietto 

le mmano pé copp’o pietto ré menava.

Statti fermo mulinaro pé la mmano

Bin bon ban

tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

Statti fermo mulinaro statti fermo mulinaro

ca tengo sei fratelli e ti ammazzeranno.

Io no’mmé curo ré sei ié manco ré sette

Bin bon ban

tira ié molla che gusto mi fa

Rosina dammela dammela.

Mmé meno ‘ncoppa a te,mmé meno ‘ncoppa a te,

mmé meno ‘ncoppa a te ié chi more more. 

 

* Addò ti si corcata *

Oi addò ti si corcata oi rò saccio

lo tuio sciatillo addora ré viole

aza la capo ra ‘sso matarazzo

iè sienti cantane a cchi bene te vole

U’ giore sore,ù giore sore

chi te l’à fatto ssò chiuovo a lo core. 

 

* Sole a calane *

Otta sulillo mio otta a calane

mmé la saluti l’uocchi neora mia

si la saluti no’ mmé la vasane

ca quanno vengo mmé la vaso io

Viri suspiro mio addò te manno

non te ngé i ‘mpontanno pé la via

Va te ngé ‘mponta a ddà nennella mia

si la truovi a tavola che mangia

mangia cu essa como foss’io

si la trovassi a lietto chi rorme

no’ mmé la sconzecane lassala ine. 

 

* Iucetella *

No mmé nfonne lo taolone cà tè canto ‘na canzone

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’

Iucceté no’ ghi a serino ngé a mogliere ré Pillirino

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’

Iucceté che puorti ‘nzino,porto l’ova a Costantino

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’

Iucceté che puorti sotta,porto cavoli ié presotta

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’

Pe na fella ré mortatella,t’avasciai la onnella

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’

Pé na fella ré proolone,t’avasciai lo caozone

iucceté mò vene

iucceté mò va

iucceté a mamma

no’ l’aviva fa’ 

 

*Zà monaca*

Sera passai sott’a ‘na cella,

ra zà monacella mmé sento chiamà

Roppo chiamato mmé fece ‘nghianà,

viri zà monaca che mmé fa fa

E ‘nghiani tu,e ‘nghiano io,

salimo assieme zà monaca mia

Roppo ‘ghianato mmé fece assettà,

viri zà monaca che mmé fa fà

T’assitti tu,m’assetto io,

assettamoci assieme zà monaca mia

Roppo assettato mmé fece mangià,

viri zà monaca che me fa fà

E mangi tu,e mangio io,

mangiamo assieme zà monaca mia

Roppo mangiato mmé fece ‘mbriacà,

viri zà monaca che mmé fa fà

Te ‘mbriachi tu,mmé ‘mbriaco io,

’mbriacammongi assieme zà monaca mia

Roppo ‘mbriacato mmé fece spoglia,

viri zà monaca che mmé fa fà

Te spogli tu, mmé spoglio io,

spogliamoci assieme zà monaca mia. 

 

* Statti bbona *

Statti bbona padrona ré casa

lo mitti ‘no revetto a la cammisa

‘no bboglio nni ricotte e mango caso

lo voglio lo onore ré sta casa

statti bbona mé nné voglio ine

non tè nnè voglio cchiù fastirio rane

quist’è lo suonno chi mmè nné fa ghine

la passione toia mé fa sportà 

 

* Quanto si bella *

Quanto si bella e quanto si onesta

int’à sto core mio chi te ngià puosto

t’ànno mittuto l’angiuli celesti

iè te fanno contrastane co’ la morte. 

 

* Aggio vinuto *

Aggio vinuto ra Napuli apposta

pé fa sta mattinata a ‘ssà finesta

po’ mmé nné vao ierte pé la Costa

non so auciello iè fazzo la rivista. 

 

* La canzone re lu piccirillo *

Quann’ero piccirillo re quatt’anni

mamma mi risse no’ pensare a donne

non arrivai a li quattuordici anni

e facevo l’amore co’ na’ capi nenna

Tengo no’ mazzitiello re viole

ancora ce l’aggia mette a l’acqua chiara.

La mamma strilla,e lo patre no’ bole

me ‘nge vonno mette a me rinto a li guai

ma si pé scattamiento re li loro

domeneca pè nn’auta a prubbecare.

Figliuolo,ca me runi,ca me runi,

voglio sapene ché donato me hai,

tengo no maccaturo re lo tuio

pé quante vote nnommenato l’hai,

mò te l’aggio addutto si la vuoi

e ré che’core te lu vuoi pigliare. 

 

 

 

* Il Testamento di Carnevale *

Chiangiti figli mii tutti appriesso a Tata vuosto.

Quanno more tata vuosto tutto a bui v'adda lassa.

Quatto pecore senza cora, quatto pecore senza lana

*na fressora e 'na tiana tutt'a bui v'adda lassa.

Teneva 'no pare' re scarpetelle erano ancora bonarelle

ngé mancavano le chiandelle, quello ré tuorno iè nienti cchiù.

Teneva non cazonciello era ancora bonariello

ngé mancava lo funniello quello ré tuorno iè nienti cchiù

le teneva 'no cappiello era ancora bonariello

ngé mancava lo funiciello quello ré tuorno iè nienti cchiù. 

 

*  LA SCIARRA *

Quanno vennero li barbari ‘ngoppa ‘a chiana e Volturara

se portarono co'lloro n'animale tanto ruosso.

Chesta bestia era no drago co' tre capo e n'uocchio sulo;

Da le bocche iettava fuoco e na puzza pestilente.

St'animale accussì brutto fu attaccato int' a 'na rotta

llà steva a fa' la guardia a lo tesoro de li barbari.

Ogni juorno se mangiava dui cristiani o dui animali;

quanta guai, sempe guai pe' la gente do' paese,

‘Na matina, era de maggio, s'appresenta a lo paese no gigante e nome Gesio,

no vaglione bello assai.

Chisto giovane vaglione nonn'aveva mai paura;

voleva liberà ‘o paese da lo mostro cò tre capo.

Dint'a rotta isso trasivo, trovavo ‘o mostro ca mangiava; 

po' se fece na risata, senza mai ave' paura.

Cu la spada ca portava ‘nguollo ‘o mostro se menavo,

dint'a lluocchio ci a ‘ndorzavo, po' da llocchio fino a o core.

Se ne scette da la rotta quanno ‘a bestia vedde morta;

Lo tesoro po' pigliavo, a lo paese lo portavo.

Lo paese fece festa, s'arricchivo assai assai,

mentre Gesio se ne ivo a la sera citto citto.

 

* La padrona mia *

Oi quant'è bella la patrone mia

quanno se mette la onnella nova

quanno ngé iamo a la chiazza a tremente

mò se nné vane pé le massarie

iè mmé pare palommella pé l'aiolà

le masserie

iè mmé pare palommella pé l'ario vola

Tuppi tuppi tuppi

piglia leona e fa sciruppi

sciruppi no bbò fa'

iè caca lo baccalà

Ta ta ta

l'aggio ritto iè l'aggia fa'

iè tè rompo lo pisciaturo

e non té fazzo cchiù piscia 

 

* Spiegami chiaro *

le perciò spiegami chiaro ch'aggià fa' ch'aggià piglia

io no' pozzo cchiù suffrì io 'no' pozzo reposà

le nné cumpà, comm'aggià fa'?

Ma tu lo sapissi che ngé volesse?

'no pitaturo r'argiento 'ndorato

'no mortariello e cristallo arrotato

le po'?

Otato otato otato

le po'?

ngasato ngasato ngasato

quelle cure chi fece mammà

o tirittuppete e l'arida 

 

* Io so brutta *

Io so brutta e no' mmè nego 

comm 'a ttè facci giureo

comm 'a ttè facci piatto

mamma mia accussì m'à fatto 

 

* Si mm' l'aggia sposà *

Si mmè l'aggià sposà mmé la piglio bella

no'mmica com'a bbiu facci gialla

tu facci gialla

fatti lo tauto

into ngé mitti 'ssa facci malata

'ncapo ré l'anno la trovi piruta

figliulo va té 'nzora a l' Annunziata

A l' Annunziata vanno li curnuti 

tu vai a Nusco ié te la fai ré creta 

 

-------- CANTI DI GUERRA --------

 

* Ghiangiti uagliuni *

... Chiangiti uagliuni

cà Vittorio Emanuele

ha miso la uèrra

se ré bbole piglia

li soldatielli

Mo' chiangeno le mamme poverelle

cà partono li figli pé la uèrra

como no' chiangiti vui zite zitelle

cà li perditi li 'nammuratielli. 

 

* Congeranti *

Ié mamma mamma che treno lungo

sempe pieno di rose bianche

noi siamo congeranti

ré casi noste vogliamo andar....

 

 

* Oi treno traritore *

oi treno traritore

addò mmé puorti lo mio amore

oi treno 'nfàme

addò mmé puorti lo 'nnammorato

Risponnivo la littorina

l'aggio portato a le confine. 

 

* Intorno intorno *

Intorno intorno a questa tomba

cé pianterremo rose e fior

noi la sera ré pianterremo

e la matina stanno a fiorir

Là faremo 'na grande tomba

ce le mettimo tutti e tré

primo la mamma e poi lo padre

e la Rosina sta a fianco a mmé. 

 

-------- CANTI DELL'EMIGRAZIONE -------- 

 

* E mo parte nnato legno *

Ré lo mese ré ottornbre

a metà ré la vendemmia

e mò parte nnato legno

a l'America a lavora

E bbui signorine

vistivi ré lutto

ca mò ngé nné iamo tutti

" Vmerica a lavora.

.nno simmo a Nevaiorca

tè lo manno 'no mazzetto

Teresì tè lo mittì 'mpietto

e ricordati di me.

le bbui galantuomini

.e vestiviti ré lutto

ca mò ngé nné iamo tutti

in l'America a lavora.

le sia beneretto Dio

e Cristofbro Colombo

chi scoperse altri mondi

e moneta 'n quantità.... 

 

* Rondinella *

Rondinella chi varchi lo mare

fermati quanno tè rico doie parole

quanno tè Sceppo 'na penna reale

pé fa 'na lettrecella a lo mio amore

Tutta ré sango la voglio stampane

iè pé sigillo ngé metto lo core

quanno la lettera iè finita ré fa'

portala rondinella a lo mio amore.

Amore mio ra tanto lontano

che fai lloco chi non tè nné vieni

non l'aggio puto lettera mannà

s'ànna sfastiriato li currieri

s'anna sfastìriato li scrivani

lo potearo chi la carta venne 

 

* La barca *

Si la barca mmé nné porta

mmé nné vao a Nevaiorca

mmé nné vao chiane chiano

'ncoppa a lo Uccolo n'affrontamo.

La famiglia ré Concetta

erano cingo e aimo

fatto a sette

La famiglia ré Cosciotta

erano sette e aimo

fatto a otto

Oi compa Maria

viri che guaio aggio passato

si mmé lo vuoi occupa

sulo tu me ro può fa. 

 

-------- CANTI DI DISPETTO -------- 

 

* Peccerella *

Peccerella tu lo tieni lo core ré cane

io lo tengo io lo tengo ré passione

peccerella la salute m'ài levata

ré la meglio ré la meglio gioventù

Peccerella calammello lo panariello

io t'o iéngo, io t'o iéngo e passione

peccerella io t'o iéngo e noce e nocelle

e spassa tiempo, spassa tiempo e nnammorati

Peccerella tu lo tieni lo core ré cane

io lo tengo io lo tengo ré passione

Peccerella io tè amo

iamo 'ncopp'o lietto a reposà

peccerella e si mammeta se 'n'addona

nui ricimmo, nui ricimrno ca è passione

Peccerella quanno mammeta fa lo pane

vieni mmé chiama pur'à mmé

peccerella cu 'no bello 'nfùrna pane

'nforno a mammita, 'nforno a mammita

e pur'a tté. 

 

* E Maronna e Maronna *

E Maronna e Maronna

quante figlie, tene sta mamma.

E guagliuni, e guagliuni,

una ré quelle 'm'aggia piglia,

Centrelle, amore

si mmé vuò bene,

ste centrelle mmé l'aia levà.

Uaglione, uaglione,

si si buono, iessi a cantà.

Uaglione, uaglione,

tu non si buono,

tu non si buono,

a fa lo soldà,

e si stritto ré pietto

e lo coverno t'ha riformà.

ié puro lo coverno

tè nnà mannà 

 

* Faccia *

Faccia ré 'no cemmece fetente

nu' tieni rota teccontieni tanto

tieni 'na casa senza peramente

mogliere non 'ne pruovi mente chi campi

Oi facci ré 'na cecoria amara amara

iè tutto lo iuorno sturii canzuni

iè questa iè la raggia chi tè la fa parlane

cà tutti sé mmaritano e tu chi none.