Il fagiolo "QUARANTINO"

Seminato a maggio e raccolto ad agosto, i contadini lo lasciano essiccare fino settembre quando, con la tecnica del calpestamento, rompono i bacelli. Piccolo e irregolare, di colore bianco cenere e una buccia molto sottile, ancora oggi è il prodotto di una coltivazione manuale.

I fagioli vengono conservati, con aggiunta di aglio e pepe nero, in contenitori di vetro o terracotta.

*La castagna "PALOMMINA ROSSA"

Le testimonianze della presenza del castagno nell'area di coltivazione sono molto antiche ( 571 d.C. ).
Le caratteristiche distintive del frutto sono rappresentate da una pezzatura medio-piccola (75-90 frutti per Kg) e la forma rotondeggiante, con faccia inferiore piatta, base convessa e punta mediamente pelosa.

Il seme ha polpa bianca e di sapore dolce. La buccia è sottile e di colore marrone. Proprio la forma del frutto ricorda la somiglianza di una colomba ( dialetto “palomma” ).