Testimonianze delle antiche tradizioni rurali sono visibili nel Museo Etnografico che conserva un notevole patrimonio culturale della civiltà contadina,

il museo racconta la storia e le tradizioni del popolo della piana del Dragone.

     

 

Strutturalmente composto in tre piani ed una zona esterna :

_Al piano terra ospita dei pannelli illustrativi;

_Al primo piano sono rappresentate le attività artigianali ( i mestieri del calzolaio, del fabbro, del falegname, del muratore, del massaro, del sellaio, del maniscalco, del sarto e del barbiere ) e l'attività scolastica ( ambiente degli anni Quaranta e Cinquanta del '900 con la cattedra, l’armadio, il banco, la lavagna, cartelle di cartone, pagelle, i pennini e registri del professore, alcuni datati 1910);

 

_Al piano interrato sono illustrate le attività domestiche ( cucina con caminetto senza tiraggio e la stanza da letto con materasso di granturco ) e le attività agricole ( strumenti di lavoro e attrezzi del periodo fine Ottocento-inizio Novecento );

 

_Nella zona esterna, infine, si incontrano l'attività del carbonaio e del boscaiolo ( realizzato lo catuozzo, la carbonaia, il pagliaio, lo nzarto e la fune di acciaio che in montagna veniva utilizzata per trasportare a valle la legna ).