Fu costruita verso la seconda metà del 500 e trasformata in asilo infantile subito dopo la guerra del 1915-18. Nel 1742 gli venne dato il titolo di Santa Maria del Carmine e San Francesco d' assisi, che ne era il protettore. Era costituita dalla cappella a forma di rettangolo e da un piccolo campanile. A sinistra e a destra di chi entrava, lungo le due parti si innalzavano dei sedili in legno. La chiesa disponeva solo di due file di scanni. Lungo la parete di destra si trovava una nicchia nella quale era situata la statua di S. Francesco. Sotto la nicchia c' era un altare e sopra di esso infisso nel muro un pergamo in legno dorato. In fondo alla parete era posta la statua in legno dell' Arcangelo Raffaele. Sulla parete sinistra la statua di S. Filomena. Nel fondo si elevava l' altare Maggiore dove era collocata La statua dela Madonna del Carmine con in braccio il bambino gesù. Una porta laterale conduceva nella Sacrestia che era una stanza molto grande e di forma quadrata. Il soffitto della chiesa era in legno. Sotto il pavimento, nel quale vi era accesso tramite una botola, si seppellivano i morti e veniva questo considerato terra santa. Il terremoto del 1980 la distrusse completamente.

 
Sull’architrave c'era la scritta:
”AVE STELLA MATUTINA CARMELAEQUE_AVE REGINA _